Canzone for Isabella d'Austria

Next | Previous | Index | Facsimile
clean | clean text | raw | raw text


CANZONE
DEL SIG. GHERARDO BORGOGNI,
L'ERRANTE ACADEMICO INQUIETO
DI MILANO,

Nelle Nozze de'Serenissimi Donna ISABELLA D'Austria Infante di Spagna
&c. Et dell'Arciduca ALBERTO d'Austria.

[first column]

Nov'archi, nove pompe, e novi fregi,
Erga Insubria felice à l'alta figlia,
Hor dono, e meraniglia
Del gran FILIPPO almo splendor(1) de'Regi,E sian trionfi egregi
In ogni parte, onde'l suo nome sia
Canora tromba à l'humil Musa mia.

Questa, cast'Himeneo, vaga conduce
In grembo à le tranquille onde marine,
Di lei, qual vino Sol splende, e riluce;
E seco'l sommo Duce
Invito ALBERTO stassi, e'l bel sembiante
Di lei vagheggia, hor fatto sposo, e amante.

Di ricche gemme cinte aurea corana
L'alta fronte le adorna, e'l chiaro volto
In cui stassi raccolto
Quant'ha di bel natura; onde risuona
Gran fama in Helicona;
E s'orman mille carte, e'l grido è tale,
Ch'adeguar no'l potrà lingua mortale.

Al dipartir che fe o dal grand'Ibero,
Questa del ricco Tago, e fama, e grido
Lasciò dolente'l nido,
On'hà d'immensi Regui il fort'Impero,
FILIPPO'l terzo hor vero
Splendor del padre, e de grand'Avi suoi,
Ch'à un mondo impera ne'gran lidi Eoi.

Al'apparir del ventrand'aspetto
Di lei, risero i campi, e d'ogn'intorno
Si fè più chiaro'l giorno;
E pien d'immensa gioia, e di diletto,
Entro'l bel casto petto
Stauasi Amor, che di pudico ardore
Incende l'alme, ne l'incendio more.

Liet'Himeneo la face, e'l croceo velo,
Già intorno scopre à l'alta coppia, e bella;
Ed'ALBERTO, e ISABELLA,

[second column]

Cantaua i nomi il Dio, che nacque in Delo;
E con ardente Zelo
Stringeua'l nodo sacr'Amor con Fede,
Amor, che d'ambi trionfar si vede.

Già in ricco, e bel Teatro, e in ampia Scena,
Appar d'Illustri Ninfe ornata schiera,
Ch'indi letitia vera
Apporta con gli accenti, e con serena
Fronte di gioia piena,
Spiega d'alta, e gran sposa i Regi honori,
Fra l'ombre assise di ben vaghi Allori.

Del chiaro Lambro sù le sponde amene,
S'ergono i pregi suoi, ch'omai son tali,
Ch'al ciel spiegano l'ali;
Scorti dal canto d'immortal Camene,
Di Cigni, e di Sirene:
E ne và'l grido ove Sequana inonda
I campi, e'l Belga d'alta gioia abonda.

Lungo l'amateriue, ovne la Mosa
I campi irriga in ben feconda parte,
Son d'ogn'intorno sparte
Chiare voci di lodi, onde famosa
Se'n và la Regia sposa
Col gran DUCE di nome inuitto ALBERTO
A cui con l'alma ha'l casto seno offerto.

Coppia, tù d'Austria i pregi, e la corone
Accresci, e co'gran figli indi vedremti
A le future genti
Aportar fregi eterni, onde ne suone
Parnaso, e ne ragione
Gran Tosca Musa, sovra l'alto monte,
Ove poscia d'Allor s'orna la fronte.

Vanne Canzon humile à piè di lei,
Ondre fregiata sei;
E dille: A te m'inchino alma felice,
Nè più dir'oso, nè più dir mi lice.


1. tilde expansion


Return to index.


Greg Lindahl